• slider1.jpg
  • slider2.jpg
  • slider3.jpg
  • slider4.jpg
  • slider5.jpg
  • slider6.jpg
  • slider7.jpg
  • slider8.jpg

Giornata dei musei 2008 - le canzoni - Scaletta dei canti

Indice articoli

Cantando

Cantando m’incontrò
E mi parlò d’amor,
Cantando mi baciò
Prendendosi il mio cuor.

Ma solo e senza amor
Cantando mi lasciò
Lasciando nel mio cuor
Soltanto un gran dolor!

Da quel giorno che lei solo m’ha lasciato
Vago sempre per il mondo senza amor,
Mentre penso dolcemente a quel passato
Che un ricordo triste mi lasciò nel cuor.

La dolcezza dei tuoi baci appassionati
Forse a un altro donerà con tutto il cuor
Mentre gli occhi miei di lacrime velati
Non vedranno più il sorriso del suo amor.

Cantando m’incontrò

Se potessi indovinare il suo balcone
Ogni notte per lei sola canterei
Quella dolce sua nostalgica canzone
Che illudeva allora tutti i sogni miei.

D’incontrarla ancora un giorno spero tanto
E quel giorno fin che vivo aspetterò,
Per poterle ricordare col mio canto
Quell’amor che troppo presto lei scordò.

Cantando m’incontrò

A Punt Ciass

A Punt Ciass gh`è i murùn che fan l`üga,lerai
Quel ciondol lerai,quel ciondol lerai
A Punt Ciass gh`è i murùn che fan l`üga,lerai
Quel ciondol lerai süla riva del mar.

Evviva il mar,viva l`amor chi lo sa far
Evviva il mar,viva l`amor chi lo sa far.

Nüm sem brütt ma sem simpatich, lerai
Quel condor lerai, quel ciondol leral
Nüm sem brütt ma sem simpatich,lerai
Quel ciondol lerai süla riva del mar.

Evviva il mar,viva l`amor chi lo sa far
Evviva il mar viva l`amor chi lo sa far.

Geseta

La vedi là `n sü quel doss
L’è  ‘nsci pinina e bèla
Asculti e senti queicoss
Canta `na campanèla
Sona l’Ave Maria,
Ul suu pia pian al möör
Quanta malincunia,
struzada in dal me cöör!

Te bèla geseta
Quanti ann ta ma fee rigurdà?
Oh! Cara geseta
L’è ‘ nsci brütt vess via da ca’!
Me ta vedi
Set sempru in dal me cöör
Me ta ‘l giüri
Luntan da ca’ sa möör

Regordi sempru quii ann
Quel di che sun nai via
A gh’evi apena vint’ann
Quand ch’u lasaa ca mia
Senti ammo`’na campana,
sunà pian pian, pian pian
Sona, sona campana,
par me che sun luntan!

Te bela geseta….ecc.
I campan da San Lurenz  

Seri un poru magütt
Che girava pal mund
Seri propi un nagott
Che tirava a campa!
A fadig e sgarbütt
U  pudüü tornà a cà
Sun rivaa tacaa al lagh
Cunt un gropp gross inscì.

Ma i campann da San Lurenz
S’ènn metüü a sunà
E quel gropp che gh’evi dent
In d’un atim l’è pasaa.

Sum metüü a cantà cun lur
E ridevi m’è ‘n matt
Finalment i u ritruvaa     
I campann da San Lurenz.

Ma i campann da San Lurenz
S’ènn metüü a sunà
E quel gropp che gh’evi dent
In d’un atim l’è pasaa.

Sum metüü a cantà cun lur
E ridevi m’è ‘n matt
Finalment i u ritruvaa      
I m’è campann da San Lurenz.

Giuan sona i campan

L’era vegnüü  al paes cun l’autumobil,
al sa vedeva luntan
ch’e l’era un sciur.
Un dì ma l’ trovi dananz
“scusi signore!!
Amo sua figlia e lo sa,
me la  voglio sposar.”

Giuan sona i campan, che sa spusa la mia tusa,
e la lasa i sò paesan, e la va luntan, luntan.
Giuan sona i campan, l’è na festa che pianger la fa
a gu’n grop che ma stroza cui lacrim,
ma i’è lacrim da felicità.

In già pasa, quatar ann dal spusalizi
le, la ma scrif propi in cö, a rivi dumàn
mi, l’ mè marì, tri fiö e la cagneta,
vegni in vacanza da ti
par stà li trenta dì.

Giuan sona i campan, che ritorna la mia tusa,
e la vegn da luntan, luntan, in la cà dai sò 20 ann.
Giuan sona i campan, l’è na festa che pianger la fa
a gu un grop, che ma stroza cui lacrim
ma i’è lacrim da felicità.

Vin di pergola

Evviva il vin di pergola
È dolce come un balsamo
Se non sarà di balsamo (bis)
Sarà di vero amor.

Son qui sotto ai tuoi balconi
Con le mani giunte al petto
Salta föra da quel letto
Non mi fare più penar
Trallalla, trallalla, trallalla, trallalla
Salta föra da quel letto
Non mi fare più penar

Se l ‘acqua mi fa male
Il vino mi fa cantare
Il vino di bottiglia (bis)
Mi fa cantar più ben

Son qui sotto……………..

I Gobeti

Era una sera una sera de nòte
due gobeti se davan le bòte
due gobeti se davan le bòte    
se state zitti ve digo l perché

Due gobeti de bassa statura
disputavan de cose amororose
ma i gh’aveva la mata paura    
che qualche d’uno li stesse a sentir

Uno l’era ‘l famoso Mattia
l’altro l’era el Fabricainciostro
che ubriaco de grapa e de mosto   
insultava l’amico fedel.

El gh’a dito “Va là che sei gobo!”
l’altro el gh’a dato una pronta risposta
“Se mi son gobo ti no te sé drito,   
dietro la schiena ti gh’a un butisèll”.

Se son dite parole de ciodi
se son date cadreghe in sul muso
poi son andati a finire in quel buso   
dove se beve un bicer da quel bun

dove se beve un bicer de quel bon.

Vint’ann

La contrada in dué che stu mi
a l’è scüra da nott e dal dì
mi sunt chi che curiusi da sott
e ripensi a quand s’evi un giuinott
vedi dü che sa strengian visin
cund la vöja da dass un basin
e ma vegn ul magun da sta chi sul balcun
da par mi ... cumè un poru nissün…

Vint’ann, vint’ann, vint’ann
l’era bel fa l’amur cui tusann
vint’ann, vint’ann, vint’ann
si passaa e si già trop luntan
vint’ann, vint’ann, vint’ann
Teresina ta pensi ancamò,
hu fai tanti murus e dai tanti basitt
ma l’mè cor l’è restaa tüt par ti.

Cambia tütt, cambia ul mund ma sti cà
jen restaa tal e quai : mez crepaa
la mugnina tacada süi mür
ul fil d’acqua che  l’fa ul sò rumur,
ma vegn giò dü gutoni pian pian
cati scià ul mè fiaschett da nustran
neghi denta in dal vin .. quel che vöri scurdaa
ul pasaa al vedi tütt innebiaa
Vint’ann……

Segreto giardin

Nel mio segreto giardin è sbocciato un bel fiore
Il suo profumo mi dà un’ebbrezza infinita
Rosa è il suo nome gentil, dolce nome d’amore
Per questo pallido fior io darei la mia vita.

Cosa m’importa se la ricchezza non c’è
Basta il tuo amor per farmi più ricco di un re
Vorrei poterti dare le stelle del ciel
Ma posso darti solo il mio amore fedel.

Ma se nel gioco crudel che si chiama la vita
Una bufera fatal travolgesse quel fiore
Senza il profumo d’amor e una gioia infinita
Cosa faresti mai tu o mio povero cuore?

Cosa m’importa se la ricchezza non c’è
Basta il tuo amor per farmi più ricco di un re
Vorrei poterti dare le stelle del ciel
Ma posso darti solo il mio amore fedel.

Cosa m’importa se la ricchezza non c’è
Basta il tuo amor per farmi più ricco di un re
Vorrei poterti dare le stelle del ciel
Ma posso darti solo il mio amore fedel.

Vola Colomba

Dio del ciel, se fossi una colomba,
vorrei volar laggiù, dov'è il mio amor  ,
che inginocchiata, a San Giusto
prega con l'animo mesto:
"Fa che il mio amore torni...ma torni presto!..."

Vola colomba bianca vola...diglielo tu che tornerò...
dille che non sarà più sola e che mai più la lascerò!...

Fummo felici, uniti...e ci han divisi...
Ci sorrideva il sole, il cielo e il mar,
noi lasciavamo il cantiere,
lieti del nostro lavoro,
e il campanon... din... don... ci faceva il coro.

Vola colomba bianca vola... diglielo tu che tornerò...
dille che non sarà più sola e che mai più la lascerò!...

Tutte le sere m'addormento triste
E nei miei sogni  piango e invoco te...
pur el mi "vecio" ti sogna,
pensa alle pene sofferte...
piange e nasconde il viso tra le coperte...

Vola colomba bianca vola...diglielo tu che tornerò...
dille che non sarà più sola e che mai più la lascerò!

Il mio galletto

Il mio galletto
Sì l’ha un bel becco,
Tutte le donne lo voglion nel letto.
Galletto qui, galletto là
E il mio galletto l’è mai a ca’.

E muoio, muoio, muoio per te mio galletto.
Muoio, muoio, muoio e per te morirò.

Il mio galletto
Sì l’ha due belle ali.
Tutte le donne lo voglion provare.
Galletto qui, galletto là
E il mio galletto l’è mai a ca.

E muoio, muoio, muoio per te mio galletto.
Muoio, muoio, muoio e per te morirò.

Il mio galletto
Sì l’ha una bella coda.
Tutte le donne lo vogliono in prova.
Galletto qui, galletto là
E il mio galletto l’è mai a ca.

e muoio, muoio, muoio per te mio galletto.
Muoio, muoio, muoio e per te morirò.

Quell’uccellino

Quell’uccellino l’è sü la pianta
L’è là che’l canta, l’è là che’l canta
Quell’uccellino l’è sü la pianta
L’è là che’l canta… quell’üselin.

Ma dimmi un po’, po’, po’
Se l’avessi in man, in man, in man
Quell’uccellino, quell’uccellino
…che l’è volaa

Sì l’è volato sü la cadréga
L’è là che’l prega, l’è là che’l prega
Sì l’è volato sü la cadréga
L’è là che’l prega… quell’üselin.

Ma dimmi un po’…

Sì l’è volato là sü la schpala
L’è là che’l bala, l’è là che’l bala
Sì l’è volato là sü la schpala
L’è là che’l bala… quell’üselin.

Ma dimmi un po’…

Sì l’è volato là sül ginocchio
E strizza l’occhio, e strizza l’occhio
Sì l’è volato là sül ginocchio
E strizza l’occhio… quell’üselin.

Ma dimmi un po’…

Sì l’è volato e rivolato
Ed ha ballato ed ha cantato
Sì l’è volato e rivolato
Ed ha ballato… quell’üselin

Ma dimmi un po’…

O mio carino

O mio carino tu mi piaci tanto
come al mare piacce alle sirene
e quando non ti vedo piango tanto
che non mi scorre il sangue nelle vene.

Quando non ti vedo e a cantar ti sento
solo a rammentarti allora mi accontento
Quando non ti vedo e resto sola
la tua voce soave mi consola.

O mio carino tu m’hai ridotto male
vado alla messa e non so dove io sia
sapevo le parole del messale
ed or non so più l’Ave Maria
 
Meglio sarebbe che non t’avessi amato
sapevo il Credo ed ora l’ho scordato
e non sapendo più l’Ave Maria
come potrò salvare l’anima mia.

La filovia da malvaia

Gh’è scià ‘na paesana,
L’è scià co la so vaca,
“o mi som bel’e stracca,
Ma senti pü a na ‘n sü”.

Sentii, cara doneta,
Fii mia economia,
Branchéé la filovia
Che in un mument si sü
Din don, din della
Longa dai che l’è bella
Bella la filovia
Bella che ga n’è mia.
Din don, din della
Disii la verità
Che questa filovia
Si l’è ‘na gran comodità.

Na sü per chela strada
Vegn fö ‘l südor a rongia
Ve cala tütt la songia
De grass v’an resta pü.

E invece in filovia
Setà sü pa ‘na banca
In cinc minütt o gnanca
Tich tach si bell’e sü.
Din don, din della …
 
Sü là gh’è sü’l scior prosper
Con gran prosperità
Che ‘l vend la roba bona
Ma propi a bon mercàà.

L’è roba tüta nostrana:
Bottiglie di vini fresci
“fiasci alla romaneschii”
Pescati gio ‘n drà va
Din don, din della …

Sü là vegn fö ‘n arieta
Piena de poesia
Da convertì in poeta
Ul prim asan che ga sia.

Ma bela la filovia
Che ha fai chi da malvaia
E mei d’ona medaia
Ghe cantom ‘na canzon.
 
Din don, din della …

E intant l’è par finì
Longala che l’è bella
Ta do cinc ghei, piantala lì.

Giügatul

Lassu sulle montagne
la neve non c’è più
comincia a fare il nido
il povero cucù.

Vieni o Giügatul
l’è giunta l’ora d’amar.  

Lassù sulle montagne
io ti ritroverò
sarai la mia compagna
per sempre t’amerò.

Vieni ….

I giorni della festa
sono fatti per per amar
c’è un cuore che ti aspetta
e un mazzolin di fior

Vieni ….

Son Cresciuta

Son cresciuta tra l’erba e tra i fiori
Io l’amavo d’amore sincero
Mi credevo che tutto fosse vero
Quando al suo seno mi strinse e mi baciò.

Ero pazza d’amore per lui
E ai suoi verbi bugiardi cascai
Il mio fiore gentile e donai
E quel infame di me se ne abusò

Stamattina mi giunse un biglietto
Che nel leggerlo il mio cuor si stringeva
C’era scritto io parto per la guerra
Vo lontano mai più ti rivedrò.

Quanto è triste pensare a questa vita
Ora al mondo sola io sono
Sono stanca di stare in abbandono
E sol la morte mi viene a liberar

Sono stanca di stare in abbandono
E sol la morte mi viene a liberar.

Festa di luce e color

Festa di luce e color
canta felice ogni cuor
e la campagna ridente e cuccagna
ci invita al dolce languor.
Tutto sorride perché
gita più bella non c’è
tra le ginestre c’è un fiore
che parla d’amore cantando così.

Oh.. oh.. oh.. in campagna cantando si va
Oh.. oh.. oh.. la chitarra ballare ci fa
Oh.. oh.. oh.. se quel prato potesse parlar
ogni più piccolo fiore ricordo d’amore direbbe mammà.

Sotto la pergola in fior
spesso vi regna l’amor
baci cocenti sospiri frementi
carezze che fanno dannar.
T’amo mio biondo tesor
stringimi forte sul cuor
e quasi sempre sul verde
la testa si perde cantando così.

Oh.. oh………..

Ti porterò sul Cucciolo

Forse un bel sogno tu porti in cuor
sogni che ti regali l’otto cilindri color marron           
io milionario non sono ancor
e per accontentarti tesoro bello sai che farò.

Se vuoi venir con me ti porterò sul Cucciolo
il motorino è piccolo ma batte come il mio cuor,
per monti e per città andremo velocissimi
uniti e felicissimi dove ci porta l’amor.

E col motor noi canterem , insiem questa bella canzon
chi ci vedrà c’invidierà e un Cucciolo poi sognerà

Se vuoi venir con me ti porterò sul Cucciolo
il motorino è piccolo ma batte come il mio cuor.

Sai che un bel sogno io porto in cuor
sogni che ti regali l’otto cilindri color marron   
un milionario non sono ancor
e per accontentarti tesoro bello sai che farò ?

Mi porterai con te andremo insiem sul Cucciolo   
il motorino è piccolo e batte coi nostri cuor    
per monti e per città andremo velocissimi
uniti e felicissimi dove ci porta l’amor.

E col motor noi canterem, insiem questa bella canzon  
chi ci vedrà c’invidierà e un Cucciolo poi canterà.   

Mi porterai con te andremo insiem sul Cucciolo
il motorino è piccolo ma batte coi nostri cuor.

Finalino  Ma batte coi nostri cuor!!!!!!

La pipa

Se nella vita a volte
hai qualche fumo in testa,
non fare cose stolte,
non ti ubriacar la festa.

Prendi la tabacchiera
carica la pipetta,
l’amica tua sincera,
vedrai che ti diletta!

Quando non ti va bene,
prendi la pipa,
se ti fa male un dente,
fuma la pipa,
se morder vuoi qualcuno,
mordi la pipa
se baciare non potrai
bacia la pipa!

Se un giorno ti va bene
e hai voglia di scherzare,
fa’ il furbo e bada bene
di non lo dimostrare.

Nascondi il tuo pensiero
in una fumatina,
questo è il miglior sentiero,
di quel della cantina!

Anche se ti va bene,
prendi la pipa,
se ti fa male un dente,
fuma la pipa,
se morder vuoi qualcuno
mordi la pipa,
se baciare non potrai,
bacia la pipa! (Bis)

Cerca nel sito

Orari e prezzi

Aperto da aprile a ottobre, mercoledì e domenica, 14.00-17.00. Visite fuori orario su appuntamento.
Entrata: 5.- adulti, 3.- ragazzi; Entrata gratuita per i membri dell'associazione, carta Raiffeisen, carta studenti. Sconto per Ticino ticket.

Sostieni il museo

Qualsiasi cifra è benvenuta, Grazie di cuore!



Free Joomla! template by L.THEME